Motivo numero sei: le escursioni nei ciliegeti e non solo…

Le escursioni nei ciliegeti sono state una delle attrazioni maggiormente gradite nel corso delle passate edizioni della Festa. Quest’anno, abbiamo deciso di regalarvi ancora di più e di triplicare l’offerta. Per voi, ci saranno ben quattro itinerari che vi permetteranno di immergervi a fondo nella natura, visitando i ciliegeti, ma anche di scoprire il territorio della Valle Vitulanese.

Procediamo con ordine e partiamo dal doppio itinerario nei ciliegeti: oltre alla classica escursione a bordo dei fuoristrada, da quest’anno sarà possibile scegliere anche La passeggiata a cavallo ai piedi di un ciliegeto. L’immersione tra il verde della natura e il rosso della ciliegia si potrà vivere anche al galoppo, cogliendo l’occasione per assaporare il gustoso frutto direttamente “al volo”. Un’esperienza per spiriti avventurosi, realizzata grazie all’aiuto dell’associazione Turismo Equestre Camposauro.

Le escursioni continuano, perchè, con il contributo dell’associazione Terra&Radici, siamo lieti di presentarvi Una Valle da scoprire. Due i possibili itinerari: il primo, quello relativo al borgo antico di Tocco Caudio, e il secondo, quello dell’Eremo di San Michele Arcangelo.

Il primo percorso vi permetterà di conoscere un borgo dalla storia millenaria, scelto dai Sanniti come luogo per i Consigli di Guerra. Centro importante anche in età longobarda, diventando Gastaldato del Ducato di Benevento. E’ centro normanno dopo l’attacco del re Ruggero, al quale si deve lo stemma cittadino: un leone rampante. Il borgo fu abitato fino al terremoto dell’Ottanta, in seguito al quale la popolazione si è spostata nella vicina Friuni. Quello che prima era un luogo pieno di vita, ora è una sorta di paese fantasma, ma ugualmente suggestivo e ricco del fascino della quotidianità interrotta da quel terremoto. 

Con il secondo itinerario, invece, si avrà l’occasione di conoscere l’eremo di San Michele Arcangelo, ubicato nel comune di Foglianise, sul versante meridionale del Monte Caruso. Venne fondato nel IX secolo e fu consacrato nel 1707 dal Cardinale Vincenzo Maria Orsini, poi diventato papa Benedetto XII. Sottostante alla chiesa è annesso un convento dove, un tempo, dimorava l’anacoreta custode del Santuario. Ristrutturato da qualche anno, l’eremo gode di un panorama mozzafiato su tutta la Valle Vitulanese e gran parte del Sannio.

Ricordiamo che, come per i workshop e i laboratori, per partecipare alle escursioni è necessaria la prenotazione in loco. 

Ecco un’anticipazione delle escursioni nei ciliegeti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Meteo su Campoli M.T.


Meteo Campoli del Monte Taburno

Continuando a navigare su questo sito accetti all'utilizzo dei cookie / By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate per "permettere cookie" per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora si acconsente a questo. / The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi